Una sterlina per la torre di Tolkien

perrotts_folly_large_300_300x451.jpgSi chiama Perrott’s Folly, ovvero “Follia di Perrott”. E’ una torre del ‘700 alta e affusolata che si erge in un quartiere di Birmingham e, pur necessitando di lavori di ristrutturazione per oltre un milione di sterline, è stata acquistata da un ente benefico per la simbolica somma di una sterlina. Affare andato in porto solo perché, a detta degli esperti, l’edificio sarebbe servito da ispirazione a J.R.R. Tolkien. Come riporta il quotidiano britannico The Guardian, infatti, l’amministratore delegato della Trident reach the people charity è un fanatico tolkeniano e ha dunque accettato di convertire la torre, più nota all’estero che in Inghilterra, in un centro di accoglienza, ad un costo non certo economico. Diventerà un punto di riferimento per giovani artisti di talento, con uno spazio dedicato a Tolkien.

Alta una trentina di metri, la costruzione si sviluppa su sette piani e venne edificata nel 1758 da un eccentrico proprietario terriero, John Perrott, in mezzo a quello che era un parco, sparito nel corso dei secoli per far spazio alla città. Ufficialmente era un padiglione di caccia, ma leggenda vuole che fosse stata eretta in modo che il proprietario potesse guardare la tomba dell’amata moglie, a 25 chilometri di distanza. Oppure, secondo un’altra versione, spiare gli incontri della consorte con il suo bracconiere. Successivamente venne adattata a stazione di osservazione meteorologica e acquistata dalla locale Università, che ne chiuse definitivamente i battenti nel 1979, senza né confermare né smentire l’esistenza (certa, secondo i residenti) di immancabili passaggi segreti e locali sotterranei, oltre ai 139 gradini da salire per arrivare in cima. La torre è perfettamente visibile sia da dove Tolkien visse da bambino che dalla sua scuola, e per gli esperti è servita da ispirazione a Orthanc e Barad-Dur, le “due torri” che danno il titolo alla seconda parte della trilogia del Signore degli Anelli. L’autore da bambino ogni giorno ci passava davanti e piano piano la Perrott’s Folly ha lasciato il segno nella sua grande fantasia.

Una sterlina per la torre di Tolkienultima modifica: 2013-02-01T12:12:00+01:00da qui_shannara
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Una sterlina per la torre di Tolkien

Lascia un commento