Shannara contro Game of Thrones? Chissà….

Manco un po’ da queste pagine Verdi. Un bel po’, decisamente. Tante cose si sono accavallate, la vita con la sua durezza ha invaso spazi sacri fino a qualche anno fa e il tempo scarseggia sempre di più. Se riapro il portone del Regno del re Jerle è perché i raminghi hanno portato notizie sul vecchio progetto di vedere una trasposizione della saga della Spada di Shannara, di cui avevo già parlato qui e che è miseramente naufragato perché la Warner Bros, dopo aver acquistato i diritti e aver annunciato che avrebbe messo in cantiere Le Pietre magiche di Shannara (opera tratta dal secondo libro della trilogia), ha lasciato perdere. Adesso, però, la Sonar Entertainment ha rispolverato l’idea, ha a sua volta acquisito i diritti della serie e sta collaborando con Farah Films per produrre una serie televisiva. Neanche a farlo apposta, la prima stagione dovrebbe essere incentrata sempre sulle Pietre magiche, saltando totalmente La spada di Shannara,da cui tutto ha avuto inizio. Il motivo è perfino banale: il primo volume della serie è da sempre oggetto di feroci critiche perché ritenuto troppo simile al Signore degli Anelli di Tolkien (dibattito affrontato qualche anno fa anche qui). I produttori, in questo modo, intendono evitare uno scivolone e, allo stesso tempo, puntano su una vicenda ricca di personaggi quanto mai intriganti, oltre a una nutrita schiera di eroine femminili di spessore, con in testa l’indimenticabile Amberle.

Per promuovere il progetto, il produttore Dan Farah ha spiegato: “Terry Brooks ha creato un mondo ricco di personaggi e storie che hanno intrattenuto milioni di lettori in tutto il mondo per un quarto di secolo e ha uno zoccolo duro di fan che è più grande rispetto a quelli su cui può contare, per esempio, la serie di successo più recente, quella di Hunger Games”. Affermazione innegabile: io stesso, che stimo Brooks meno di una pulce dal punto di vista umano (ecco perché), come autore sono letteralmente stregato dalla sua fantasia e dalle sue capacità. Il furbo Terry, che intravede ulteriori possibilità di allargare il suo conto in banca, ha rincarato la dose: “Collaborare con la Sonar Entertainment e la Farah Films per adattare la saga di Shannara per la televisione è un progetto davvero eccitante, e io mi impegno a fare tutto il possibile per far sì che i fan vecchi e nuovi dei libri amino subito il risultato che ne verrà fuori”.

Insomma, i presupposti per creare un qualcosa in grado di competere con una serie come Game of Thronessembrano esserci. Il punto interrogativo è sempre lo stesso: il viaggio è appena all’inizio, restano ancora da scegliere il regista, formare il cast e, soprattutto, trovare una rete americana interessata all’acquisto del prodotto. Non sono cose di poco conto o di veloce soluzione. L’attesa, se la corazzata arriverà felicemente in porto, rischia di essere piuttosto lunga. Ma anche stimolante…

Shannara contro Game of Thrones? Chissà….ultima modifica: 2012-09-12T12:57:00+02:00da qui_shannara
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Shannara contro Game of Thrones? Chissà….

Lascia un commento